Stampa E Oro Nero Book PDF, EPUB Download & Read Online Free

Stampa e oro nero
Author:
Publisher:
ISBN:
Pages:
Year: 1953
View: 743
Read: 545

Stampa e oro nero
Author:
Publisher:
ISBN:
Pages:
Year: 1953
View: 591
Read: 445

Il Giorno
Author: Ada Gigli Marchetti
Publisher: FrancoAngeli
ISBN: 8846483782
Pages: 240
Year: 2007
View: 347
Read: 1274
All'uscita del suo primo numero, il 21 aprile 1956, "Il Giorno" rappresentò un'importante novità nel panorama della stampa italiana, e fu salutato da un immediato successo di pubblico, consolidatosi poi nel tempo. Come ricorda Enzo Forcella, "tra la seconda metà degli anni Cinquanta e la fine degli anni Sessanta "Il Giorno" è stato, e di gran lunga, il più moderno e "leggibile" quotidiano italiano". Sulle ragioni di questo successo editoriale, e della successiva crisi, si interroga il presente volume che si propone, a cinquant'anni dalla nascita, come un bilancio complessivo delle vicende e dell'attività del quotidiano. Attraverso una pluralità di interventi vengono presi in esame i complessi rapporti tra "Il Giorno", la proprietà (l'Eni fino al 1997) e il mutare del contesto politico italiano; quindi le principali tematiche affrontate dalla testata, in modo spesso coraggioso e vivace, e la sua attenzione rivolta a nuove fasce di lettori, come le donne e i ragazzi. Ne esce la storia emblematica di un giornale di proprietà pubblica, non privo di luci e di ombre: da una parte l'impegno e la professionalità delle redazioni che si sono via via succedute, all'altra i condizionamenti e i limiti, posti ora dall'ente di Stato ora direttamente dal "palazzo" della politica.
Ente Nazionale Idrocarburi
Author: Charles Richard Dechert
Publisher: Brill Archive
ISBN:
Pages: 116
Year: 1963
View: 1275
Read: 979

A History of Italian Economic Thought
Author: Riccardo Faucci
Publisher: Routledge
ISBN: 1317704177
Pages: 268
Year: 2014-04-03
View: 200
Read: 241
This book provides the non-Italian scholar with an extensive picture of the development of Italian economics, from the Sixteenth century to the present. The thread of the narrative is the dialectics between economic theory and political action, where the former attempts to enlighten the latter, but at the same time receives from politics the main stimulus to enlarge its field of reflection. This is particularly clear during the Enlightenment. Inside, this book insists on stressing that Galiani, Verri, and Beccaria were economists quite sensitive to practical issues, but who also were willing to attain generally valid conclusions. In this sense, "pure economics" was never performed in Italy. Even Pareto used economics (and sociology) in order to interpret and possibly steer the course of political action. Within this book it illustrates the Restoration period (1815-48). There was a slowdown of the economists' engagement, due to an adverse political situation, that prompted the economists to prefer less dangerous subjects, such as the relationship between economics, morals, and law (the main interpreter of this attitude was Romagnosi). After 1848, however, in parallel with the Risorgimento cultural climate, a new vision of the economists' task was eventually manifested. Between economics and political Liberalism a sort of alliance was established, whose prophet was F. Ferrara. While the Historical school of economics of German origin played a minor role, Pure Economics (1890-1940 approx.) had a considerable success, as regards both economic equilibrium and the theory of public finance. Consequently, the introduction of Keynes's ideas was rather troubled. Instead, Hayek had an immediate success. This book concludes with a chapter devoted to the intense relationships between economic theories, economic programmes and political action after 1945. Here, the Sraffa debate played an important role in stimulating Italian economists to a reflection on the patterns of Italian economy and the possibilities of transforming Italy's economic and social structure.

Quando Mattei era l'impresa eneregetica. Io c'ero
Author: Giuseppe Accorinti
Publisher: HALLEY Editrice
ISBN: 8889920084
Pages: 342
Year: 2007
View: 1024
Read: 423

Italian Books and Periodicals
Author:
Publisher:
ISBN:
Pages:
Year: 1964
View: 251
Read: 479

Nuova storia contemporanea
Author:
Publisher:
ISBN:
Pages:
Year: 2007
View: 494
Read: 891

Bollettino delle pubblicazioni italiane ricevute per diritto di stampa
Author: Biblioteca nazionale centrale di Firenze
Publisher:
ISBN:
Pages:
Year: 1894
View: 597
Read: 327
The "Notizie" (on covers) contain bibliographical and library news items.
La Sfida perduta
Author: Giorgio Galli
Publisher:
ISBN:
Pages: 251
Year: 1976
View: 707
Read: 1057


National Union Catalog
Author:
Publisher:
ISBN:
Pages:
Year: 1956
View: 1319
Read: 212
Includes entries for maps and atlases.
Il Novecento, un secolo insostenibile
Author: Renato Monteleone
Publisher: EDIZIONI DEDALO
ISBN: 8822062809
Pages: 548
Year: 2005
View: 737
Read: 380
Collection of already published writings by various authors, partly now in Italian translation, with brief introductory texts by R. Monteleone.
Guida di Tokyo
Author: Anna Cenerini Bova
Publisher: Gangemi Editore spa
ISBN: 8849267053
Pages: 306
Year: 2011-09-26T00:00:00+02:00
View: 528
Read: 708
Esistono già molte guide di Tokyo. Perché farne BOVA un’altra? Ho vissuto più di cinque anni in questa realtà e comprenderla non è stata un’impresa facile. Ho avuto però molte occasioni per una conoscenza più approfondita di questo incredibile Paese, sicuramente lontano, per cultura e geografia, dalla nostra Europa, ma curiosamente interlocutore più affine all’Italia di altri Paesi europei o mediterranei. Di qui lo scopo della guida: dare di Tokyo una lettura più vicina alla sensibilità europea, più attenta dunque agli aspetti culturali, sociali e storici e, per quanto possibile, esaustiva della sua straordinaria ricchezza. Raccontare le miriadi di musei, templi, santuari, giardini e parchi. Proporre la partecipazione alla vita giapponese, non limitandosi ad una mera visita turistica, ma condividendo esperienze quali il kabuki, il nō, il kyōgen, il bunraku, il sumō, il Takarazuka, le arti marziali, la cerimonia del tè, l’ikebana, la calligrafia, i matsuri, l’onsen o il karaoke. Illustrare gli esempi più interessanti d’architettura moderna. Evidenziare le tracce del passato sopravvissuto ai terremoti, alla guerra, alla modernizzazione e alla speculazione edilizia, ancora percepibile attraverso i luoghi storici, i quartieri tradizionali, i musei. Descrivere i luoghi naturali che costellano la città moderna: oltre ai giardini che hanno mantenuto intatta la loro raffinata bellezza, le aree naturali protette, quali il Tokyo Wild Bird Park, il Natural Park for Nature Study, l’acquario di Shinagawa e quello del Kasai Rinkai Park. E poi qualche informazione sullo shopping: dai mercatini delle pulci dove si possono fare affari, ai grandi magazzini, vere e proprie istituzioni, all’elegantissimo artigianato giapponese: lacche, ceramiche, dipinti, tessuti, kimono, obi, ma anche elettronica e fotografia. Ed infine introdurre alla raffinatezza del cibo giapponese segnalando i piatti più facilmente apprezzabili dal palato occidentale e la possibilità, per un accostamento non traumatico, di ottimi ristoranti di cucina italiana o di altri Paesi. Trasmettere la mia esperienza al visitatore occidentale.